Epitaffio di Paul Samuelson scritto da Avinash Dixit (dal blog di Dani Rodrik)