Secondo il Financial Times, non ci rimane che investire nel Kung Fu*. Scherzi a parte, premesso che non è il mio mestiere dare consigli di investimento, e che ciascuno ha diverse preferenze per il rischio, età (orizzonte temporale), e diverse esigenze di liquidità  (il che significa che non c’è un portafoglio “ottimale” per tutti), posso solo suggerire di

  1. evitare titoli di stato di paesi europei
  2. evitare titoli/azioni emesse da banche, europee e non
  3. evitare mutui denominati in valute diverse dall’euro
  4. evitare fondi di mercato monetario
  5. non fidarsi di banche che offrono alti tassi sui depositi perchè probabilmente loro investono i  titoli di stato
  6. mai acquistare azioni singole
  7. dovendo investire, comperare immobili (anche se i prezzi potrebbero scender eun po’)
  8. diffidare da chi promette elevati rendimenti

Attenzione però, se avete 1-6 e vendete ora potreste subire elevate perdite.


* A proposito, sapevate che “Kung Fu” in Cinese vuol dire ” Lavoro duro” ? (Grazie a  Emanuela Carbonara dell’Università di Bologna per questa segnalazione)