Un articolo di Tim Parks da cui è difficile dissentire sulla New York Review of Book